(ripropost di) Tendenza inversa

27024_1330648317065_1556701840_830767_5922231_s.jpgPer la serie “Dalle parole ai fatti”, ecco il mio primo, infinitesimale, atto rivoluzionario.

<<Stanco dei commenti dei Vs cd. “esperti” durante e dopo le partite della Fiorentina, commenti che di obiettivo hanno soltanto il nome – si legga a mo’ d’esempio l’ultima del sig. Massimo Mauro che, copio e incollo, benchè in differita, rispetto a mercoledì sera ha scritto: “Il resto è nulla se non la grande partita della Fiorentina (sic!) che invece di cercare alibi nella direzione arbitrale (alibi?), grandi errori non li ho visti (strano, ce n’è stato uno talmente determinante che l’hanno notato pure i milanisti), farebbe bene ad interregorsi sui suoi errori (quali? non avere la maglia a strisce?)” -;

STRISCIONE.jpgassodato che il Vs interesse è chiaramente incentrato a soddisfare e compiacere i tifosi/paganti di juve, milan, inter e roma, piuttosto che essere corretti anche con tutti gli altri tifosi/purepaganti, a prescindere dalla maglia;

non comprendendo più perchè dovrei continuare a foraggiare io questa evidente disparità di trattamento che mi lascia ogni volta allibito,

premesso tutto ciò,

Vi comunico la mia DISDETTA dal pacchetto Calcio alla scadenza annuale dello stesso.

Distinti saluti…>>

…firmato e spedito a Sky.

0.jpgP.S. Non c’entra nulla (o quasi, dato che dietro il Milan e dietro Mills c’è sempre lo stesso personaggio), ma siccome pago il canone e il TG1 continua a dare notizie false, intervengo qui per cercare di aiutare il Paese a mantenere un po’ di dignità (della serie “Non tutti siamo schiavi”):

il signor Mills NON è stato ASSOLTO, bensì è stato chiesto il non luogo a procedere per PRESCRIZIONE del reato (cioè è stato applicato quell’istituto molto italiano che aiuta i criminali a non andare in carcere se vengono condannati quando è passato un certo tempo – poco e stabilito per legge, domanda: chi fa le leggi? – dalla consumazione del crimine, vedi proprio questo esempio).

Se potete iscrivetevi al gruppo su Facebook con l’appello all’Ordine dei Giornalisti e diffondete.