“Brillante WeBlog” part 2

86748cd5ee5624d21ca8362c72d034c3.jpg Allora, dopo aver ricordato le esime colleghe di web che mi hanno premiato, Convolvolo21 e Frenice, e che di nuovo ringrazio per cotanta scelta, vado ad enunciare i blog che intendo premiare io, questo non senza aver prima spiegato di cosa stiamo parlando.

Il “Brillante WeBlog” è un Premio che viene assegnato (da noi!) a siti e Blog che risaltano per la loro brillantezza, sia nel contenuto che nel design, lo scopo è di promuoverli nella Blogsfera mondiale.

Ecco le regole:

1. al ricevimento del premio bisogna scrivere un post mostrando il Premio, il nome di chi ti ha premiato e il suo link corrispondente;

2. scegliere 7 (minimo) Blog o siti che ritieni siano brillanti per i temi trattati e il design, indica il loro nome e il loro link e avvisali che hanno ottenuto il “Premio Brillante WeBlog”;

3. (facoltativo) esibire la foto (il profilo) di chi ti ha premiato e di chi viene premiato nel tuo blog.

Detto questo i blog che scelgo io sono:

Sabbia e Spuma

Il Diario di Mirtilla

Enjambement

Romantic_art

My life

Mixzone 

Il blog della Angel

L’angolo rosa di Sbrn

Not-only-bill

 

Premio “Brillante WeBlog” (2 volte!)

e158e95a8db5119d862405d74f1e032d.jpgOggi ho ricevuto un premio molto inaspettato da Convolvolo21 e da Frenice.

Entrambi sono talmente inaspettati che, vista la mia giovanile frequentazione dei blog, non so davvero, a mia volta, a chi riconoscerli.

Sperando non sia un’offesa per nessuno, per il momento mi riservo di eleggere i miei prescelti nei prossimi giorni, non appena avrò avuto il tempo di visitarne almeno sette di mio gradimento…

Per intanto ancora un grazie ai blogger di Estate incantata e di L’apparenza inganna.

Mi presento

Luca è nato a Firenze un po’ di anni fa. Era convinto di essere un bambino normale che viveva in un paese normale fino a quando, verso i cinque anni, non fu portato per la prima volta al mare a Rimini. Lì conobbe altri piccoli esseri alti come lui che, con un italiano strano, continuavano a ripetergli, spesso urlando, “hoha hola halda hon la hannuccia horta!!!”. Chi poteva volere una coca cola calda? E, soprattutto, perché con la cannuccia corta?!? Si convinse così che i marziani fossero già tra di noi e, probabilmente, che fossero molti di più di quanto veniva raccontato nei telefilm di “Ufo – Attacco alla terra”. Per dieci anni persuase i genitori a non trascorrere più vacanze fuori dalla toscana. Adesso viaggia con un file audio nel cellulare, creato apposta a Monaco di Baviera – i tedeschi infatti sono gli unici terrestri che riescono ad aspirare tutte le c come le tremende creature spaziali -, che fa ascoltare ai molti alieni, nel frattempo anche loro cresciuti di statura, che continuano a chiedergli la criptica parola d’ordine da pronunciare con l’impossibile accento. Finora è riuscito ad ingannarli tutti ma vive sempre più nel terrore di essere prima scoperto e poi rapito per venire trasportato in un pianeta agghiacciante, un luogo dove strani esseri muniti di proboscide bevono dolcissime bevande gassate calde.