Ma diamo i numeri (!)

43,2% – è il valore della pressione fiscale in Italia nel 2009. Nel 2008 era pari al 42,9%, quindi in un anno (di governo superdotato) è aumentata dello 0,3%. Poco, si dirà, peccato che al primo punto del programma del Popolo delle Libertà & co. ci fosse la diminuzione delle tasse, non l’aumento.

8,6% – è la stima del tasso di disoccupazione a febbraio 2010, più 1,3% rispetto a gennaio 2009, dato peggiore dal 2004, tradotto: altre 307 mila persone che hanno perso lavoro in un anno, per un totale di oltre 2.144 mila disoccupati. Però la crisi è passata (per chi?), però stiamo meglio di altri paesi (tipo Haiti), però i rifiuti a Napoli… e il terremoto a l’Aquila… e il G8… e le leggi ad personam… e mica posso fare tutto io, lo sapete a che ora mi sono alzato stamattina?!?

1267438449014_2.gif514 – sono le firme invalidate sulle 3935 totali presentate dalla lista pro Formigoni alle elezioni per il consiglio regionale della Lombardia. Direi che hanno certamente fatto meglio di Roma, dove non le hanno portate proprio, però, che duro colpo all’efficienza meneghina…

7i gol totali segnati da Amauri Carvalho de Oliveira (detto A Maurì er mejo fico de Bahia), nell’attuale stagione, in complessive 33 gare giocate tra campionato, champions league, coppa italia e uefa league (media di 0,21 gol a partita, ovvero 1 gol ogni 5 discese in campo)… direi che rispetto alle 25 su 19 di Di Natale (0,76 a partita, 3 gol ogni 4 giocate), o anche le 14 su 25 (0,56) di Pazzini o 15 su 35 (0,49) di Gilardino, non c’è paragone… ecco perchè il complice Lippi continua ad aspettare la sua “italianizzazione”… senza di lui, gel a parte, come farebbe la nazionale a non fare mai gol?

1 – i rigori a favore dell’ACF Fiorentina nell’attuale campionato di serie A.

Ma diamo i numeri (!)ultima modifica: 2010-03-02T20:06:50+01:00da luk4.p
Reposta per primo quest’articolo

9 pensieri su “Ma diamo i numeri (!)

  1. ordunque. questo post ha tutte le cosine a posto: titolo, commenti, immagini…
    quello del 27 era così:
    sabato, 27 febbraio 2010
    Tendenza inversa
    (immagine minuscola a sinistra) Per la serie “Dalle parole ai fatti”, ecco il mio primo, infinitesimale, atto rivoluzionario.
    e poi tutto nero fino in fondo.

  2. Sabato 6 Marzo a Milano ci sarà una grande manifestazione contro il razzismo, il No Razzismo Day. Una manifestazione per affermare con forza che l’unica razza esistente su questo pianeta è quella umana. I canali ufficiali di informazione non hanno dato nessuno spazio all’iniziativa, e sono quegli stessi che ogni giorno presentano gli stranieri come la causa di tutti i mali che affliggono il nostro paese. Vi chiedo di farvi portatori di questa causa diffondendo il più possibile la notizia ad amici e conoscenti.

    Un sentito ringraziamento al Blog ATTIMI per la collaborazione.

  3. E che vogliamo farci, è la Repubblica delle banane!
    E sai qual è la vera, ultima barzelletta? Rimanderanno le elezioni per Lazio e Lombardia. Prevedibile, certo, ma non per questo meno scandaloso. Un collega è stato tirato scemo tre anni dal catasto che non gli permetteva di costruire perchè mancava un timbro su un certificato, mancanza imputabile al comune! Ha dovuto lasciare il cantiere per costruire la sua abitazione fermo, senza alcuna possibilità di fare qualcosa se non aspettare i comodi dell’amministrazione. E loro? Infrangono le regole, ma non c’è problema, perchè vuoi mai che venga messa in pericolo la democrazia italiana e la libera scelta dei cittadini? Quindi vai con leggi e decreti fatti apposta per far si che le regole valgano per tutti… tranne che per la casta. Come disse Ghedini, la legge è uguale per tutti, ma non necessariamente lo è la sua applicazione. Ipse dixit!

Lascia un commento