Vomito o vo via?

lutto1.gifDiario 16-18/II

La situazione è talmente seria che ho perso ogni verve satirica. Non ce la faccio proprio a scrivere qualcosa di umoristico su quello che sta succedendo in questo maledetto (direi proprio maledetto) paese. Stiamo vivendo un attacco così preciso e scientifico a quei poteri dello Stato che non si piegano (magistratura e Presidenza della Repubblica, il parlamento è perso da tempo), che l’indifferenza dei molti mi fa paura. E non si pensi che voglia difendere la magistratura e/o il C.d.S. a prescindere. Però credo ci sia modo e modo per cambiare le cose e questo è molto, molto sporco. Siamo come dei nani che, davanti a un gigante del quale non percepiscono la grandezza, non capiscono che stanno per essere schiacciati. Con lo specchietto eutanasia (di cui, in realtà, non interessa niente a nessuno dei lor signori, tanto meno al cd premier chè altrimenti non avrebbe aspettato l’ultimo istante per farsi vivo con un decreto che gli avevano già detto che sarebbe stato bocciato), stanno sviando le coscienze dal vero obbiettivo (la riforma beffa della Giustizia, di cui, guarda caso, nessuno parla, e il ridimensionamento dei poteri non allineati, appunto). E io provo pena, per la povera ragazza che stanno usando in questa maniera vergognosa e per noi tutti che assistiamo a un tale scempio, praticamente, impotenti. Detto questo, prima di vomitare, preferisco andarmene.

Ancora una volta vi rimando a Marco Travaglio. Giusto per chi avesse voglia di vedere il gigante. (videotesto)

Vomito o vo via?ultima modifica: 2009-02-09T18:46:00+01:00da luk4.p
Reposta per primo quest’articolo

17 pensieri su “Vomito o vo via?

  1. Vomita.
    Una discussione come ai “vecchi tempi” mi piacerebbe, come dici tu. Ma sono stanca. Di molte cose e della troppa stupidità. Rimanderemo il tutto a quando avremo voglia di tirarci le frecce l’uno contro l’altro. Sorrido.

  2. weeeee ciao luk ando vai? resta qui con noi a vedere quello che succede no? sai mai che i fascisti fanno un putch e la cariatide presidenziale schiera la polizia in difesa della democrazia cintro l’esercito del fascio andiamo dai mica puoi andartene cosi no?

  3. Ciao Luk e buona giornata a te. Scusa se non rispondo al tuo commento e non ne lascio ma oggi sono convinto che chiunque, favorevole e contrario, debba rispettare Eluana con il silenzio. Ne riparleremo giovedì con il post in cui “dirò la mia”. Ciao.

  4. Potrei riscrivere le stesse parole di cleopa… siamo un paese di merda!!! nemmeno oggi c’è chi sta in rispettoso silenzio. Oggi mi è toccato discutere sulla morte di eluana, “contento l’hanno ammazzata!”, “sono degli assassini!”. Provo un misto di rabbia e di pena verso queste persone, che sono italiani come noi, che sono maggioranza. Davvero si prova tristezza a sentire e leggere certe cose, non si conosce più il significato della parola Rispetto.
    ciao Luca

  5. Non siamo noi i nani,purtroppo.Perchè oggi sono proprio loro,uomini-nani, a schiacciare quei principi giganteschi che tutelano i cittadini e la loro libertà.Il silenzio però non è sempre indifferenza.Può nascondere la voglia di agire cogliendo l’attimo.
    Per adesso però c’è davvero da vomitare.
    artista1969

  6. Ciao Luk e buona giornata a te!!! Tu ritieni le persone “indifferenti”? Beato te… perché io sono molto più pessimista!!! Secondo me è molto peggio ed è il classico atteggiamento dell’italiano che, finché non è “toccato”, si scansa da qualsiasi responsabilità!! Vogliamo definirlo pensiero del qualunquista? Ecco, si direi che l’italiano (non tutti fortunatamente) è così!!! Finché non vengono toccati i suoi interessi… e questi sono il calcio (scusa, so’ che sei un tifoso… ma non ti riguarda la definizione) la play station, i reality, Porta a Porta ed i vari Mentana, qualche euro di stipendio in più… e poi, alla fine, si chiude in casa e lascia fuori tutto il resto. Infatti, dovessi vedere Roma che è diventata!! Il deserto dei tartari!! Via Veneto… oramai puoi vederla come era agli antichi splendori, solo in qualche film datato!! Trastevere… vuota!! Non si fa più nulla, non esce più nessuno!! Fino a qualche anno fa, Trastevere era più affollata la notte che il giorno. Ora, tutta Roma è una tristezza!! Con la scusa della violenza, degli stupri, dei rumeni… TUTTI IN CASA!!! A rimbambirsi di TV!! E. soprattutto, senza porsi mai un “perché?”. Concordo sul tuo pessimismo: stiamo vivendo un periodo buio! E gli artefici siamo noi!!!

Lascia un commento