Ossimoro

413189.jpgbandiera_vaticana215.jpgDiario 15/II

25.6.2008 – Decreto della Corte d’Appello, prima sezione civile di Milano. Dopo 60 pagine di motivazione, seguono le seguenti parole: “…P.Q.M. la Corte d’Appello di Milano accoglie il reclamo proposto dal sig. Beppino Englaro,(…) accoglie l’istanza di autorizzazione a disporre l’interruzione del trattamento di sostegno vitale artificiale di Eluana Englaro, realizzato mediante alimentazione e idratazione con sondino naso-gastrico…”

6.2.2009 – Decreto Legge approvato dal Consiglio dei Ministri (della Santa Repubblica Cattolica che sta intorno alla Città del Vaticano): «In attesa dell’approvazione di una completa e organica disciplina legislativa in materia di fine vita l’alimentazione e l’idratazione, in quanto forme di sostegno vitale e fisiologicamente finalizzate ad alleviare le sofferenze, non possono in alcun caso essere rifiutate dai soggetti interessati o sospese da chi assiste soggetti non in grado di provvedere a se stessi»

Domanda facile: esiste ancora lo Stato di Diritto o siamo all’Anarchia di Stato?

Ossimoroultima modifica: 2009-02-06T16:06:00+01:00da luk4.p
Reposta per primo quest’articolo

9 pensieri su “Ossimoro

  1. C’è un teorema interessante nel blog di Travaglio http://www.voglioscendere.ilcannocchiale.it/ .I giochi dei piani alti sono sempre imprevedibili e mentre danno da bere alla massa,speculando inumanamente su casi tragici come questo degli Englaro,mettono le basi per le prossime mosse politiche.Mio nonno,buonanima,aveva proprio ragione:”non c’è un palmo di netto”!
    ps. rispondo alla tua domanda:non c’è anarchia di sorta in questo governo ma un progetto le cui basi si rifanno alla P2 e che ha oramai raggiunto l’obiettivo.La cosa positiva è che adesso non si può sperare altro che nel cambiamento.
    Saluti.
    artista1969

  2. Luk, “nello Stato in cui siamo” (che grande gioco di parole!) ormai non ci si stupisce più di nulla. Della Englaro, a Silvio, non importa nulla ma, come si è poi visto dopo il rifiuto del Presidente al DL, è utile per molti motivi: dare il contentino alla Chiesa; ribadire che il Diritto è una cosa di cui Lui può disporre a proprio piacimento; mettere in discussione (per l’ennesima volta) la figura del Presidente per ribadire che il presidente del consiglio deve avere più potere (finché lo farà Lui) oppure per darne di più al Presidente della Repubblica (se lo farà Lui)…
    Comunque sia “siamo ridotti in uno Stato” (è più forte di me, scusa)…

  3. Sai che impressione ho, e non riesco a togliermela dalla mente? Quella di un gruppo di quei giocattolini che si mettevano nel vano posteriore delle macchine e che facevano “si” con la testa ad ogni sobbalzo. Tanti omini che ubbidiscono a comando, privi di cervello e di spina dorsale… con un bastone nel… che li tien dritti.. Omioddio che pensieri.. Anna

  4. Ciao Luca,
    ti ringrazio dei tuoi passaggi e dei commenti nel mio blog.
    Per quanto riguarda il tuo quesito: fossimo all’ “anarchia di Stato”!,forse sarebbe meno preoccupante. A me sembra piuttosto che siamo stati a un passo dal “colpo di Stato”, al quale per ora ha fatto fronte soltanto la decisione contraria del Capo dello Stato. Infatti, penso proprio che le forze istituzionali preposte alla sicurezza dello Stato non siano per ora state allertate… ammenoché Napolitano non sia confrontabile con Vittorio Emanuele III… e penso non lo sia neanche lontanamente.
    (Dalla sentenza di Cassazione, che segue e conferma il giudizio di Appello): «[…] Il paziente può dire no a quanto ritiene “invasivo”. […] questo rifiuto delle cure “non può essere scambiato per un’ipotesi di eutanasia”. L’eutanasia è infatti un “comportamento che intende abbreviare la vita”. Mentre esiste “un atteggiamento di scelta, da parte del malato, che la malattia segua il suo corso naturale”». Sulla condizione fisica e mentale di Eluana, inoltre, c’è una relazione “di sicuro valore scientifico”. E nemmeno la procura generale ha sollevato la questione sulla “volontà presunta di Eluana”, dandola per scontata. Anche questo è un punto importante, perché non pochi – politici di professione o apprendisti dell’ultima ora – discutono ancora se questa volontà di rifiutare le cure sia valida o no: per sentenza, nata dopo un’indagine accurata, questa volontà c’era, ed è stata verificata attraverso le testimonianze, dunque è stata ritenuta valida anche dai Giudici di Cassazione oltreché da quelli di Appello.

    La sentenza di Cassazione è qui:
    http://download.repubblica.it/pdf/2008/sentenza_eluana.pdf

    Domani sapremo se questi sciagurati “yes-men” tenteranno di fare “una legge in tre giorni”, una legge per problemi tanto gravi e delicati, una legge che a quanto pare ricalcherebbe le spudoratezze del “tentato decreto golpista”.
    Buon inizio settimana da Angela

  5. Ieri, con mio marito, riflettevo su questo. Riflettevo, è vera una cosa, Eluana non è sottoposta a cure sanitarie, ma ad alimentazione forzata. E riflettevo che non riesco a vedere differenza netta, dico netta, tra l’un caso e l’altro. Il trattamento sanitario ti tiene in vita, la nutrizione forzata parimenti ti tiene in vita. Se non ti somministrassero farmaci moriresti di natura. Se non ti alimentassero moriresti di natura. Mi domando, se fosse stato un caso di rifiuto di terapie mediche, la gente avrebbe pensato le stesse cose che pensa ora ? E mi domando ancora un’altra cosa : se si fosse proceduto con una iniezione, ovvero con qualcosa che non fosse stato lo stop dell’alimentazione forzata, la gente avrebbe ancora e sempre pensato le stesse cose che pensa ?
    Temo di dover dire di si. Ed è per questo che ormai quà è tutto disperato.
    Quanto allo stato di diritto amico mio qui di diritto non c’è piu niente. E’ tutto soltanto storto. I giudici fanno gli sguatteri, il parlamento fa prove di trucco in camerino con la Carlucci, il presidente della repubblica ogni tanto si “sceta” (si sveglia) e grazie a Dio, anche se si è scetato solo su questo tema, il governo, nel frattempo, trasforma i medici in pubblici ufficiali, i poliziotti in COPS come nella trasmissione americana che danno su SKY (che alle volte la polizia giudiziaria già lascia a desiderare sotto delega p.m., figurati in piena libertà), gli avvocati (checché se ne dica da parte di chi avvocato non è e nell’ambiente non ci sta) sono nella più totale confusione e non gradiscono per nulla un sistema processuale del genere perché sai meglio di me che il nostro principio non è l’ostruzionismo ma la giustizia (abbiamo affrontato già questo discorso, ricordi ? si, forse ancora si tratta delle mosche bianche). Chi ci manca ? Il vaticano. Che si compiace del gesto eroico da medaglia in petto di Berlusconi, e cioè di un uomo che non ha esistato a togliersi di mezzo un bambino che dopo due mesi sarebbe nato non sano.
    Insomma, viva la coerenza.

    Buona settimana anche a te, e ti ringrazio. Per l’augurio, e per la speranza. Un abbraccio forte forte Luca.

Lascia un commento