Scuola privat.a

scuola.gifDiario 3920 – 3921

15 ottobre 2028

Interno giorno.

– Chi di voi sa cos’è una scuola?
– Io, io!
– Kevin, dimmi.
– La scuola era quel posto dove i bambini imparavano le cose.
– Bravo! La scuola era proprio quello. E cosa imparavano i bambini a scuola. Chi me lo dice?
– Io, io, io!
– Ancora Kevin.
– I bambini a scuola imaparavano a scrivere e a leggere con il pc, a telefonare con le mani e a farsi i disegni da soli con i fogli.
– Sei proprio bravo. E dov’erano le scuole? Te, Cindy.
– Le scuole?! Le scuole… erano… dove c’erano i poveri!
– Solo lì, sicura? Non suggerire Kevin.
– Sì, mia mamy dice che quando era piccola lei, i poveri andavano a scuola e lei no, perchè lei era ricca e la scuola andava da lei.
– Non è proprio così, sei sicura?
– Mia mamma dice così.
– Non è vero, mamy dice che lei andava nella scuola dei ricchi, non che la scuola andava da lei come ora viene da noi. Sei sempre la solita scema.
– E te sei sempre il solito brutto, oh.
– Calma, calma, non litigate. Non è importante, tanto non ne esistono più. Adesso facciamo pausa. Riprendiamo tra mezzora, va bene?

Esterno giorno.

– Senti Cindy, ma perchè la maestra ci ha chiesto di quella cosa…. della… della scuola?
– Boh.
– Secondo me ha paura che papy la butta fuori.
– Boh. Lei è povera, Kevin?
– Sì, non vedi come va vestita, non ha neanche una borsa di pelle umana. Ma ora basta, andiamo a giocare in piscina o in palestra?
– In palestra che voglio rinforzare i glutini.
– Cosa?
– I glutini, lo dice sempre la mamma che bisogna rinforzare i glutini perchè sennò non si trova marito.
– Ah, allora va bene. Io però vado nel simulatore di volo. Alla maestra mandiamo un sms che torna domani.
– Yuppì!

Scuola privat.aultima modifica: 2008-10-16T13:17:00+02:00da luk4.p
Reposta per primo quest’articolo

34 pensieri su “Scuola privat.a

  1. Meno male che quando andavo io a scuola, il maestro ancora era il “Maestro”!! Ne avevo uno, alle elementari, che era una montagna e, pensa, ancora usava “bacchettare” sulle mani, se eri indisciplinato!! E le punizioni dietro la lavagna o in ginocchio? Meno male che non sono nato nel 3920!!! Quante sane cose mi sarei perso!!!

    Ciao Luk

  2. Cioè ma non ho capito. Io e te viaggiamo senza saperlo su quella stessa lunghezza d’onda che tu dicevi al tuo primo commento la tua prima volta da me ? (che sembra quasi una cosa indecente. e tu non lo sai, ma … lo è ! rido)

  3. Indecente poteva sembrare “la tua prima volta da me” (rido).

    Hai parlato di me ad una delle 7 mosche bianche ? Minchia ! (rido). Ti ringrazio, della stima soprattutto. Dì a questa persona che non hai bluffato. Su nulla, dico nulla. Hai la mia parola 😉

  4. La scuola è l’unica speranza per il cambiamento.Lo svilimento della scuola pubblica è il nervo scoperto di tutti i nostri problemi.Invece di intervenire in soccorso al pubblico si sponsorizza,anche politicamente,il privato.In una società che non vuole considerare uguali il figlio di un operaio con quello di un professionista,che vuole mettere in classi separate bambini italiani e bimbi immigrati,una società che invoca “maldestramente” la sua nazionalità e le sue radici religiose mischiandole alla pura intolleranza,è una società sporca.Il problema è che gli schizzi li prendiamo tutti.
    Tra un pò comincia Anno Zero.Mai come stasera ho voglia di sentire Marco Travaglio.
    Un saluto.
    artista1969

  5. Ma che problemi ti fai?!Non sei contento che ti fanno uno sconto di 50 euro sui decoder(ancora… e due!).. vuoi la salute?Paga.Vuoi un istruzione?Paga …. Vuoi rimbecillirti? Bene è ciò che voglio io, guarda ti faccio anche lo sconto!!!!
    Ciao luca 😉

Lascia un commento