Il voltagabbana

dd2e37417f11aba4292c2be0a3c7185e.jpg

Il v. volta la gabbana. Se sta in camicia volta la camicia, ma si chiama lo stesso v. I v. prolificano essenzialmente tra i politici professionisti, molto meno tra quelli praticanti amatoriali, mentre se ne ritrovano in gran numero tra i votanti semplici. Tra i politici professionisti se ne annoverano alcuni veramente impenitenti, tanto che in quei casi si parla di sindrome compulsiva da v. Si conoscono casi di v. tra i fedeli delle varie religioni che, a seconda dei punti di vista, sono poi detti convertiti o miscredenti. I c., o m. che dir si voglia, rischiano il rogo (una volta reale adesso solo figurato, ma non si sa se faccia meno male) da parte del clero ripudiato che ovunque si erge a giudice delle coscienze altrui. Sono state trovate tracce di v. anche in ambiente scientifico, ma molti casi, dopo successivi studi sull’esemplare in questione, sono stati declassati a “bugiardi semplici” per motivi dettati dall’istinto di sopravvivenza. Tra tutti si cita Galileo Galilei. Molti v. sono stati trovati tra i calciatori professionisti, in questi casi si parla del sottogruppo dei “mercenari”. Tra i tifosi invece esiste solo un caso di v. riconosciuto e tanto e tale è l’unicità di quell’esemplare che lo stesso è portato ad esempio per impaurire i bambini che, a un certo punto della loro breve vita, avessero voglia di cambiare la fede calcistica inculcatagli alla nascita dal proprio genitore maschio: “guarda che se passi alla squadra X diventi come Emilio Fede!” L’esortazione basta a convincere anche il più testardo tra i pargoli. I v. hanno la funzione sociale di essere odiati da tutti gli altri che, nell’attesa di diventarlo, si sentono migliori.

(leggi gli altri tipi umani: lo sculato, la smemorata, il rompiscatole, il ritardatario, il paraculo, il ballista)

Il voltagabbanaultima modifica: 2008-07-14T12:05:00+02:00da luk4.p
Reposta per primo quest’articolo

20 pensieri su “Il voltagabbana

  1. meno male, ni stavo preoccupando
    “la mia visione dello Stato è laica, la tua, a quanto pare, confessionale.”
    no amico mio, la tua visione è LAICISTA e neodogmatica
    la mia è laica e culturale (non nel senso che ho cultura eh!!!).
    uno Stato non definisce i cittadini, ma rappresenta i cittadini che danno ad esso una identità e se l’humus è cristiano, qual’ è il problema?
    In afhganistan vorrai mica opporti che siano culturalmente islamici?
    Per maggioranza, per cultura, per tradizione.
    Qualcuno non si ritrova?
    Pazienza, le leggi sono leggi, vadano ad anarchiland.
    Basta, non finirei più!
    La Fiorentina è la mia terza squadra dopo Inter e Torino.
    Ciao

  2. Ho trovato pane per i miei denti… 🙂
    Con te non bastano le citazioni e i sunti, bisogna approfondire altrimenti finisce con un 6 a 0…
    Sulla tua definizione di Stato sono d’accordo, ma “l’humus cristiano”, secondo me, va bene per capire da dove ma ha poco a che fare con le regole di convivenza comuni. Se mi prendi ad esempio l’Afganistan, mi dai ragione perchè quello è proprio uno stato confessionale. Io non voglio uno Stato dove la religione cristiana o musulmana o buddista o che ti pare a te, sia alla base della convivenza civile. Le leggi devono andare aldilà anche perchè ognuno sia libero di professare la fede che vuole nel rispetto degli altri. Quindi a me, di cosa fanno in Afganistan o Arabia non me ne può fregare di meno, così come, però, non frega nulla di ciò che pensa il Papa quando pretende di dettare a noi italiani tutti, i suoi principi (che poi su molti di essi ci sia condivisione è persino ovvio. Non uccidere, per esempio, va bene per un laico, per un cristiano e persino per un musulmano). Che poi il territorio ora definito Italia sia stata per 1600 anni circa cattolico è indifferente. Prima era pagano e allora che dobbiamo fare? torniamo alle radici romane? L’umanità evolve, tutto qui. Se in Vaticano non se accorgono sono problemi loro o di chi gli da retta, ma non devono e non possono essere problemi di tutti. Togliere il crocifisso dalle scuole o far pagare l’ici alla chiesa non vuol dire negare le proprie radici, vuol dire solo riconoscere che il mondo sta andando da un’altra parte e sono finiti i tempi dei privilegi e della religione di Stato. E’ altrettanto chiaro che, come te, si possa poi dissentire dall’approvazione di una legge sull’eutanasia o sulla procreazione assistita, diverso è però mettere in atto delle vere e proprie ingerenze come fa il Vaticano quando intima a destra e a sinistra di attenersi alle regole di Santa Romana Chiesa.
    Libera chiesa in libero stato, tutto qui.

    Anche l’Inter era al terzo posto delle mie simpatie, peccato che siano riusciti a farla diventare antipatica come la giuventus.. eh scusami per l’accostamento, non è colpa dei tifosi, lo so… 🙂

  3. @luk4
    concordo sul tuo commento stato-religione con teocon, anch’io mi trovo in mezzo ad una discussione di materia religiosa con lui…
    io sono pienamente d’accordo con il tuo commento, bisogna considerare la chiesa x quello che è, stato vaticano (cioè uno stato estero).. poi ognuno libero di credere a ciò che vuole cristianesimo buddismo ebraismo islamismo ecc…
    oggi avevo x mano un cud lo sfoglio e mi ritrovo la pag dell’8×1000, mi è venuta una rabbia, cioè ma x quale motivo noi dobbiamo mantenere una istituzione che nn fa parte dello stato italiano, nn vedo 1 motivo io.
    infine la definizone “l’humus cristiano” mi abbrividire… cioè se nn ho capito male teocon dice che in italia c’è “l’Humus cristiano” e quindi lo stato deve essere anch’esso cristiano in poke parole…
    (se ho capito bene questa è la mia risp) per prima cosa ho tanti dubbi che in italia la gente sia “cristiana” molti di essi nn sanno neanche cosa sia la religione cristiana (lo si è x definizione x molti), seconda cosa lo stato è laico e deve rispettare tutte le religioni ma nn farsi influenzare da nessuna, l’itlaia sta diventanto multiculturale e multireligioni e bisogna convivere nel rispetto di tutte le religione, dicendo “L’Humus cristiano” e come dire si puoi professare la tua religione ma sappi che prevale la mia….
    luk caro nn avvicinare mai più la parola inter con rubbentus….
    fammi sto piacere :-))
    PS: qualke fiorentino sarà diciamo “soddisfatto” della sorte del messina, vero!!!!!!!!! mi ricordo ancora i vostri comportamenti e le vostre opinioni nell’anno di B….
    ciao

  4. Ciao dalai!
    Ho letto il tuo messaggio e poi ho cercato di ricostruire il tuo scambio con teocon e pony.
    Allora, per quanto mi riguarda, la mia opinione va a favore di entrambi per metà.
    Da una parte sono assolutamente d’accordo con te per l’avversione a tutte le chiese ufficiali del mondo (soprattutto quelle delle cd religioni rivelate) e, in special modo, a quella cattolica romana per moltissime delle idee che diffonde (impone) e per la continua ingerenza che ha in quello che è, come giustamente hai sottolineato, un paese straniero: il nostro! Il potere temporale è stato buttato fuori nel 1870 dalla porta e bisogna ringraziare benito e bettino che ce l’hanno fatto rientrare dalla finestra con i due concordati.
    Dall’altra sono d’accrodo con teocon perchè io non sono affatto materialista e quindi non considero la religione di per sè un male.
    Qui si aprirebbe un dibattito lunghissimo, quindi per il momento taglio.
    Devo dire che per essere due interisti non vi trovate molto d’accordo… 🙂
    Per quanto riguarda il messina, devo dire che a Firenze siamo anche molto presuntusi (a ragione 🙂 e quindi non ce ne siamo preoccupati più di quanto ci possa dar fastidio una mosca…
    Ma te di dove sei?
    L.

  5. ah già!
    L’accostamento tra voi e i gobbi lo faccio (a Firenze non esiste differenza tra le strisciate, milan compreso) perchè dal nostro punto di vista, subire furti da voi o da loro o dal milan non cambia assolutamente nulla (e ne abbiamo una lista lunghissima di ingiustizie). Quindi, fatte le dovute distinzioni in relazione al numero (enormemente a loro sfavore) e alla qualità (voi lo scudetto e una uefa non ce l’avete mai rubati, per ora :), mi spiace ma devo farti notare che è troppo facile tifare Inter pensando di essere onesti, lamentandosi per anni del fallo su ronaldo, senza però poi riconoscere che voi approfittate delle stesse medesime sviste con tutte le altre squadre come la Fiorentina o l’Udinese o il Genoa, ecc. ecc. Se fossi a tifare al posto nostro, quando moratti ha sbandierato la propria “pulizia”, avresti vomitato pure te…
    Tutto questo ricordando sempre che parliamo di società e non di tifosi che, voi come noi, siete solo burattini da spremere… anche se, almeno voi qualcosa avete vinto, pensa a me che ho visto solo due coppe Italia….
    ciao!

  6. aiaiaiai……….
    e no nn c siamo:-))
    sul calcio mi sa che nn ci troviamo….
    ti assicuro che tifare inter nn è mai stato facile, certo è differente parlare di ciò che avete subito voi (c radiazione) nulla in paragone, ma le prese in giro che abbiamo subito noi x anni nn sn mica facili da digerire… cioè andare in stadi come reggio calabria e sentirsi dire nn vincete mai e na brutta botta te lo assicuro…. poi nel calcio ognuno la vedo a modo proprio e dalla sua parte, ma i nostri ricordi nn sono sl il rigore di ronaldo ma sn 3 scudetti mancanti di cui uno solo “risarcito”(che a termini di regolamento ci stava), poi anche noi abbiamo avuti i nostri quest’anno ma nn da “falsare” il campionato come molti avete sostenuto (nn so te) e poi la viola quest’anno nn si può proprio lamentare, che qualche vantaggino lo avete avuto anke voi, ma tutto in buona fede in quanto quest’anno gli errori si sono equilibrati ed i valori sn emersi…. paragonarci alla rubbentus no dai nn ci sta neanche al milan la storia e li e parla da sola… all’inter si può solo imputare un caso di passaporto falso e ti assicuro che c abbiamo rimesso più che guadagnato visto che si trattava di recoba:-))) nulla contro la fiorentina sia chiaro a priori anzi ci avete fatto godere e nn sai quanto… l’ultima giornata è stata fantastica, io ero in trans-agonistica e nn mi ero neanche accorto del gol di osvaldo quindi sapevo che il milan ce l’aveva fatta me lo hanno detto x strada e nn sai come è stato bello rinfacciarlo ai milanisti che erano x le strade a cercar zizzania, inoltre stimo la societa e il mister x la loro corretezza e pacatezza, il pubblico…. il tifo nn posso dirvi niente sull’attaccamento alla squadra il calore e il colore, qui sta anche il riferimento al messina nn siete mai “carini” cn gli avversari e mi ricordo dei bei insulti diretti a noi “messinesi” cmq tutto nella norma e ci sta tutto anzi siete tra i più coretti d’italia….
    sono della prov. messina e quindi molto vicino anche al messina, la mia amante in questi anni che pultroppo a causa di un pezzo di merda (o tanti pezzi di merda) se ne di nuovo andato
    sul resto sempre d’accordo anche sul commento lasciato su ilfasciodirose sull’imigrazione
    ciao

  7. va be’… te mi parli di quest’anno… io invece mi riferisco a 30 anni 30 di partite (sono abbonato giusto giusto dal 1978) e altro, in cui tra giuve, milan e inter, ne ho viste di tutti i colori, te l’assicuro! E lascio da parte il fallimento e la c2 per 25 milioni di euro (25 milioni! quando ci sono squadre, rometta e lazietta in primis, che sono state iscritte con più di 250 milioni di euro di debiti fino a quando non gli hanno fatto il famoso decreto spalmadebiti, vero silvio?) e lo scandalo di moggiopoli dove l’unica cosa dimostrata è che la merda di luciano ci voleva far retrocedere (mi sono letto tutte le intercettazioni e su questo non c’è neanche un dubbio) e noi ne siamo usciti, noi!, come la seconda squadra più marcia d’italia! Più del milan, più della roma e della lazio di cragnotti! Lasciamo stare, vai.
    Che poi anche noi si debba ringraziare l’inter di esistere perchè negli ultimi 15 anni c’ha fatto sentire un po’ meno sfortunati, è vero. Grazie soprattutto a moratti che con più di mille milioni di euro (1000!) spesi ha vinto solo uno scudetto vero… e ora ha ributtato tutto all’aria…. auguri! 🙂
    Comunque il calcio è bello proprio per questo, se non ci si potesse sfottere non sarebbe così popolare. Che gusto ci sarebbe?
    ciao!

Lascia un commento