Diario 64-65

IL MONDO VISTO DA DENTRO bc74f57b03e4411a9615020c0bd6279f.jpg

Giorni 64-65

Sole andante

 

Country

Uno sguardo ai programmi elettorali dei due maggiori partiti (sigh). Per ora solo il primo punto di ognuno, vagliato ed estrapolato in maniera assolutamente parziale e faziosa, perchè sono delle palle enormi. Se poi impazzisco completamente, ne metterò anche qualcuno degli altri.

Popolo delle Libertà

1- Difendere e far ripartire l’economia con:

a) iniziative del nostro governo per politiche europee mirate alla riduzione della regolamentazione comunitaria (più anarchia, e che cazz!), alla difesa della nostra produzione (con i cannoni?), contro la concorrenza asimmetrica che viene dall’Asia – dazi e quote – (vero esempio di liberismo!), all’applicazione simmetrica, anche in Asia, di uguali regole sociali ed ambientali (va direttamente Silvio a convincerli uno per uno, un cinese per volta);

b) infrastrutture: rilancio e rifinanziamento della nostra fondamentale “Legge Obiettivo” (?) – a partire dalle Pedemontane lombarde e venete (ah, ecco!), dal Ponte sullo Stretto di Messina (e ti pareva!) e dall’Alta velocità ferroviaria (che gli alieni hanno sabotato) -. Apertura di una corsia di accesso ai lavori anche per le piccole e medie imprese di costruzione (esentate dal certificato anti mafia); salvaguardia e sviluppo dell’aeroporto di Malpensa (e coincidente chiusura di quello di Fiumicino);

d) detassazione di straordinari, premi e incentivi legati a incrementi di produttività; graduale progressiva detassazione delle “tredicesime” o di una mensilità (i soldi li mette babbo natale?);

i) difesa dei consumatori generalizzando e rafforzando il principio di “portabilità” dei rapporti con le banche, da noi proposto nel 2006 (e realizzato da Bersani nel 2007);

l) sperimentazione della certificazione obbligatoria del “Made in Italy” (che?!?);

p) diversificazione del funzionamento degli impianti elettrici ad olio combustibile attraverso il ricorso al carbone pulito (quello bianco, avete presente?).

 

Partito democratico

1- Per lo sviluppo e la qualità:

…Esistono le risorse su cui far leva…

Quando si dice “imprese”, si dice lavoratori e imprenditori, insieme (nel ventennio si chiamava corporativismo, o sbaglio?).
In Italia ci sono centinaia di migliaia di giovani e meno giovani che fanno volontariato, per aiutare chi soffre (bravi!).
In Italia, migliaia di giovani calabresi hanno sfidato la mafia: “ora uccideteci tutti” (vero!). E sono italiani quegli imprenditori – industriali, commercianti, artigiani – che in Sicilia rifiutano di pagare il pizzo ed espellono dalle loro associazioni chi continua a pagarlo (così si fa!).
In Italia ci sono stati recentemente tre milioni e mezzo di cittadini che si sono messi in fila per far nascere il PD (chiaro!).

Le potenzialità dunque ci sono, e sono grandi, dal Nord dell’eccellenza produttiva al Sud “naturale” piattaforma logistica nel Mediterraneo (belle parole!). Ma, senza un progetto, sono destinate a rimanere tali. (giusto! Bene… e ora che si fa?)

Diario 64-65ultima modifica: 2008-03-26T07:45:00+01:00da luk4.p
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento