Di cose Viola e altre faccende…

Sulla lettera di Andrea Della Valle e su tutta la questione inerente il periodo “burrascoso” che stiamo passando, il direttivo del viola club Chiodo Fisso ritiene di far presente che:
1. anzitutto noi stiamo con la Fiorentina, chiunque ne indossi la maglia e chiunque ne sia il proprietario, ora e sempre;
2. siamo grati ai Della Valle per averci preso nella fogna dove eravamo finiti nel 2002 e averci riportato ai fasti del periodo d’oro 2006/marzo 2010;
3. chiariti più volte quali sono gli attuali obbiettivi della società, non chiediamo altro che una campagna acquisti in linea con tale programma e una squadra che onori la maglia ogni domenica, a prescindere da chi la indossi e contro chi.
Detto ciò, non capiamo la nuova richiesta di confronto del Patron.
Dato che i dirigenti sono loro, e in mano loro è il potere di decidere, forse sono loro che dovrebbero fare un minimo di autocritica per gli errori commessi nella gestione (noi più che andare allo stadio e tifare non possiamo fare), che dovrebbero risolvere i problemi che hanno portato al vistoso calo di abbonati, che dovrebbero migliorare i rapporti con la tifoseria, anche con quella parte (grossa) in momentaneo attrito, e riportare la passione allo stadio.
Purtroppo, però, sembra che la linea assunta dalla proprietà sia una sorta di “exit strategy” per passare la mano con il minor danno d’immagine (a livello nazionale) possibile. Non si capisce altrimenti perché, nella lettera di Andrea, si faccia ancora riferimento alla cittadella (“Soprattutto se si tiene conto anche di promesse istituzionali fatteci e che per mille motivi non sono state mantenute”), cosa c’entriamo noi tifosi?;
si chieda un intervento del sindaco che finirebbe per essere per forza di carattere politico (quindi fuori luogo);
si minacci ancora un non meglio precisato disimpegno (“per quanto ci riguarda, non cominceremo il prossimo campionato con questo clima”) per un paio di striscioni (seppure volgari) e qualche fischio, rimostranze che chiamare contestazione è quanto meno buffo (chiedere a VCG o ai Pontello cos’è una contestazione);
si continui ad evocare un possibile passo indietro (“la Proprietà è pronta a farsi da parte”) come se trovare l’acquirente fosse un argomento del giorno e, per di più, trovarlo giusto fosse un problema/dovere dei tifosi;
si faccia finta che nella gestione tecnica tutto vada bene, compresi gli errori del Direttore (vedi affare D’Agostino, caso Montolivo, mancato acquisto di Aquilani, ecc.) e di altri dirigenti pagati proprio per migliorare la comunicazione;
si ignori, appunto, il calo degli abbonati, come se in un cinema il problema fosse negli spettatori assenti, e non nel brutto film proiettato.
Ecco, per tutti questi motivi, e per molti altri ancora che non stiamo ad approfondire (vicenda calciopoli, varie delusioni sportive e non – vedi Lega -, apparente disinnamoramento), abbiamo paura che i Della Valle la loro decisione l’abbiano già presa, e non sia quella di rimanere alla guida della Fiorentina.
Noi di sicuro restiamo tifosi e continueremo ad appoggiare sia loro che la squadra, tutto sta a vedere se loro hanno ancora voglia di farsi sostenere da noi
Sempre Forza Viola!

Il direttivo del v.c. Chiodo Fisso

Sportività?

X – Y: la gara della bontà, come spesso è accaduto e accadrà ancora a chiusura di stagione. Del resto nessuno osava pretendere dai XX un impegno diverso, la concentrazione che, magari, altre squadre (leggi K e Z) speravano ci fosse. Così l’incontro d’addio al campionato, l’ultima prova d’esame prima degli scontri con il W, s’è chiuso in parità, con qualche naso arricciato (F.S., uno dei nuovi padroni, ad esempio, avrebbe voluto la vittoria), ma col pubblico, sopratutto quello della Curva S “gemellato” per una volta con i tifosi YY e non con quelli ZZ a cui, invece, sono andati insulti ed improperi.
Se sia stato giusto non possiamo dirlo noi, certo è che in una domenica che segnava il destino della formazione di C.G., i XX, generosamente, hanno preferito schierarsi col più debole, l’Y appunto.
Per tutto il primo tempo la X, in verità, ha manovrato con grande capacità offensiva, mai facendo correre seri rischi al proprio portiere verso il quale gli attacchi Y non sono mai stati prodotti con efficacia, anche perché con un punto D. e compagni, male che fosse andata, avrebbero guadagnato lo spareggio. Così è stato perché al gol di H. dal dischetto, e dopo che C. e R. avevano fallito due occasioni limpidissime, puntuale è arrivata la stoccata dall’ex X.”

Di quale partita stiamo parlando? Lazio – Inter??? Noooo!!!! Roma-Udinese, campionato 1992/1993!!!! Sostituite le X con Roma (romanisti, giallorossi, ecc.), le Y con Udinese (udinesi, bianconeri, ecc.) e le Z con Fiorentina (fiorentini, viola, ecc.) e avrete davanti un bell’esempio di sportività alla romana. Grazie a questa partita, la Fiorentina retrocesse in B e l’Udinese, con la benedizione di TUTTO il pubblico romanista, si salvò. Un pubblico che tifò, 18 anni fa, contro la propria squadra, proprio come hanno fatto ieri sera i laziali. Eccoli, questi sono i signori che oggi gridano allo scandalo per il comportamento “antisportivo” dei cuggini biancoazzurri. Probabilmente sono così arrabbiati perchè vogliono i diritti d’autore: “Ma come?”, chiedono, “Noi avemo ‘nventato la antisportività pura e i cuggini la usano contro de noi senza manco paga’ n’euro?!?” C’avete ragione ad arrabbiarvi, cari romani, così non si fa, non si fa davvero (ahahahahaha!). Ma tranquilli, comunque a voi ci pensano i nostri politici che, evidentemente, a parte salvare i propri interessi (l’ultima: “Immunità per chi guida auto blu”) hanno molto a cuore anche la sportività e i colori giallorossi (già salvati dal fallimento n volte), magari vi faranno, con l’aiuto del grande rossonero, un decreto legge ad hoc… Intanto, però, andate a pagare le tasse!!!

P.S. L’articolo è copiato integralmente da Almanaccogiallorosso. Legenda oltre a X, Y e Z: K=Brescia, W=Torino, F.S.=FrancoSensi, Curva S=curvasud, C.G.=CecchiGori, D.=Desideri, H.=Haessler, C.=Carnevale, R.=Rizzitelli

cal_22_672-458_resize.jpg

Siamo solo noi!

m_5_3.jpg.jpg

Siccome nei soliti mezzi dell’informazione truccata che c’è in questo paese, non si da il giusto merito a chi sta facendo più che bene, ne scrivo io. Si sa, se non hai la maglia a strisce non conti, peccato (per loro) che lo sport sia altro.

Gruppo A – Bordeaux 13 – Juventus 8 – Bayern 7 – Maccabi 0

Gruppo C – Real Madrid 10 – Milan 8 – Marsiglia 7 – Zurigo 3

Gruppo E – Fiorentina 12 – Lione 10 – Liverpool 7 – Debrecen 0

Gruppo F – Barcellona 8 – Inter 6 – Rubin 6 – Dinamo Kiev 5

La FIORENTINA è l’unica italiana già passata agli ottavi di finale. Tutte le altre squadre sono ancora, chi più chi meno, a rischio eliminazione e nessuna raggiungerà mai i 12 punti già incamerati dalla squadra Viola. La FIORENTINA ha, fin qui, il miglior attacco del torneo assieme al Real Madrid e all’Arsenal (12 gol). E basta.

http://www.fiorentina.it/audio-eventi/Gol-Fiorentina.mp3

m_prandelli4_1.jpg.jpg