Faccia di bronzo

l00nov.gifDopo che per due anni c’ha sbombolonato la minchia con il suo ottimismo d’accatto, ecco che ieri il premier più ridicolo del mondo si è svegliato in un paese dove gli italiani «hanno vissuto al di sopra delle loro possibilità»!!!!!!!!!

Colpa dei governi della prima repubblica e di «quello di sinistra che dieci anni fa approvò la riforma del titolo V della Costituzione dando alle Regioni un potere di spesa sganciato dalla realtà». Ma, gli chiedo io, chi ha governato dal 2001 al 2006 e dal 2008 ad oggi? Babbo Natale??? Chi è il più sganciato dalla realtà, lui o Pinocchio???

Ecco che allora va tagliata la spesa pubblica, gli sprechi e quant’altro che non lo riguardi, ovviamente. Addosso ai dipendenti pubblici, quei delinquenti che in maggioranza guadagnano circa 1200 euro al mese!!! Ladri!!! E i ricchi? I ricchi contribuiranno ai sacrifici? Certo, i ricchi dirigenti pubblici (bravo!), tutti gli altri, come ad esempio… lui, ecco, potranno dormire sonni tranquilli.

Poi chiede un sacrifio agli enti locali, quelli che danno solo i servizi ai cittadini: «A loro chiediamo di ridurre le spese meno produttive, ma in cambio daremo loro beni demaniali che potranno valorizzare e generare nuove risorse, dando così ulteriore attuazione al federalismo fiscale». Cioè: prima gli togliamo l’Ici, poi gli diamo dei terreni da sfruttare, complimenti per la genialata!!! Intanto però la spesa sanitaria, delegata alle Regioni (non è federalismo fiscale?) è esplosa «soprattutto nelle regioni del Sud»… ma si droga o ci fa????

Altre genialate: l’ennesimo condono edilizio – che però si chiama “emersione delle case fantasma” (chiedere a Stephen King) – e la soppressione delle province sotto i 220 mila abitanti – che non siano nelle regioni a statuto speciale e non confinino con paesi esteri (ad esempio Sondrio. Dove abita Tremonti? Ah…) -… pare siano otto (!!!) in tutto. E le altre? Non sprecano???

E per ultimo, il tocco finale, la lotta all’evasione fiscale! Da uno che disse: “Ieri sono stato dal mio dentista e ho visto che paga il 63 per cento di imposte e allora non volete che chi è sottoposto a un furto così non si ingegni? È legittima difesa“, come prendete le parole di ieri: “aumenteranno i controlli e si farà in modo di recuperare lo squilibrio che vede in alcune Regioni sacche di evasioni ormai incontrollate”?!? Non rispondete, non importa.

Per concludere, la ciliegina: “siamo tutti nella stessa barca, che andrà avanti e supereremo anche questa situazione”, beh, io preferisco andare a nuoto che stare in barca con lui.

Bene, sono contento per questa manovra, perchè così, i miei colleghi che l’hanno votato, quando allo specchio si sputeranno in faccia, avranno un motivo in più.

Cantami, oh Micida…

bria_07_672-458_resize.jpgQuesto post era nato soltanto per pubblicizzare il racconto di cui trovate il link in coda, poi ho letto questa notizia su corriere.it…

“Fuori dal nostro yacht, Nathan Falco non è più sereno”

Milano – «Da quando siamo stati costretti ad abbandonare il nostro yacht il piccolo Nathan Falco piange spesso, non è più tranquillo e sereno come prima». Elisabetta Gregoraci, in un’intervista al settimanale Diva e donna, parla di quello che definisce un «terribile incubo» vissuto dopo il sequestro da parte della Guardia di finanza dello yacht “Force Blue” sul quale viveva con il figlio di due mesi e il marito Flavio Briatore, ora indagato per contrabbando e frode fiscale. «Il nostro bambino è quello che ha risentito di più di questa situazione, di questo brusco cambiamento – spiega la ex showgirl -. Da quando siamo usciti dalla clinica di Nizza dove ho partorito, ha vissuto a bordo dello yacht: ora non è più tranquillo e sereno come prima, sente la mancanza della sua cameretta bianca, dei suoi spazi, che lo hanno protetto fin dai primi giorni».

Non mi posso quindi esimere da porvi alcune domande:

1. Come cazzo si fa a chiamare un essere umano, nato da genitori italiani, Nathan Falco?

2. Perchè ci dovrebbe interessare lo stato psico fisico di un qualsiasi membro della famiglia Briatore, seppur lattante?

3. Perchè ci dovrebbe interessare, cosa pensa una ex show girl?

4. Perchè ci dovrebbe interessare, sapere che Elisabetta Gregoracci pensa?

5. Perchè la Gregoracci non prova a vivere un paio di mesi con lo stipendio di un cassintegrato e solo allora ci viene a raccontare qual è il suo incubo terribile?

6. Perchè esiste una rivista che si chiama Diva e donna ?

7. Perchè in Italia si è persa la facoltà di provare vergogna?

Grazie anticipatamente per le risposte.

****

serravalle.jpgIn attesa della manovra economica del Governo e che finisca la farsa sulle intercettazioni, per chi avesse voglia di leggere un raccontino da veri brividi (che avevo già pubblicato qui e ora ho rivisto e corretto), clicchi sul link sotto oppure sulla foto. Se poi vorrete lasciare un commento, tornate pure a questa pagina e scatenatevi. Buona lettura.

AUTOGRILL

 

AAA sVendesi Ministro

casa_pop-300x199.jpg
Questo è un Governo di artisti, altrochè! Una giustificazione come questa merita un premio: «Un ministro non può sospettare di abitare in una casa pagata in parte da altri», ah no? E perchè? 900mila euro regalati? Ecchè saranno mai!?! Anche a me l’altro giorno è capitato: ho comprato un televisore da 500 euro e quando sono arrivato alla cassa me ne hanno chiesti solo 150, “Grazie” ho detto, ho pagato e me ne sono andato. Ora mi aspetto la visita di qualcuno in divisa per la ricettazione oppure di Babbo Natale per ringraziarlo.

Come si fa a non provare compassione per uno così? Se fosse un poveraccio farebbe pure tenerezza, invece è/era un ministro e allora, delle due una: o è uno sprovveduto totale e, allora, in mano a chi siamo? Oppure è un corrotto e, allora, in mano a chi siamo?

Sportività?

X – Y: la gara della bontà, come spesso è accaduto e accadrà ancora a chiusura di stagione. Del resto nessuno osava pretendere dai XX un impegno diverso, la concentrazione che, magari, altre squadre (leggi K e Z) speravano ci fosse. Così l’incontro d’addio al campionato, l’ultima prova d’esame prima degli scontri con il W, s’è chiuso in parità, con qualche naso arricciato (F.S., uno dei nuovi padroni, ad esempio, avrebbe voluto la vittoria), ma col pubblico, sopratutto quello della Curva S “gemellato” per una volta con i tifosi YY e non con quelli ZZ a cui, invece, sono andati insulti ed improperi.
Se sia stato giusto non possiamo dirlo noi, certo è che in una domenica che segnava il destino della formazione di C.G., i XX, generosamente, hanno preferito schierarsi col più debole, l’Y appunto.
Per tutto il primo tempo la X, in verità, ha manovrato con grande capacità offensiva, mai facendo correre seri rischi al proprio portiere verso il quale gli attacchi Y non sono mai stati prodotti con efficacia, anche perché con un punto D. e compagni, male che fosse andata, avrebbero guadagnato lo spareggio. Così è stato perché al gol di H. dal dischetto, e dopo che C. e R. avevano fallito due occasioni limpidissime, puntuale è arrivata la stoccata dall’ex X.”

Di quale partita stiamo parlando? Lazio – Inter??? Noooo!!!! Roma-Udinese, campionato 1992/1993!!!! Sostituite le X con Roma (romanisti, giallorossi, ecc.), le Y con Udinese (udinesi, bianconeri, ecc.) e le Z con Fiorentina (fiorentini, viola, ecc.) e avrete davanti un bell’esempio di sportività alla romana. Grazie a questa partita, la Fiorentina retrocesse in B e l’Udinese, con la benedizione di TUTTO il pubblico romanista, si salvò. Un pubblico che tifò, 18 anni fa, contro la propria squadra, proprio come hanno fatto ieri sera i laziali. Eccoli, questi sono i signori che oggi gridano allo scandalo per il comportamento “antisportivo” dei cuggini biancoazzurri. Probabilmente sono così arrabbiati perchè vogliono i diritti d’autore: “Ma come?”, chiedono, “Noi avemo ‘nventato la antisportività pura e i cuggini la usano contro de noi senza manco paga’ n’euro?!?” C’avete ragione ad arrabbiarvi, cari romani, così non si fa, non si fa davvero (ahahahahaha!). Ma tranquilli, comunque a voi ci pensano i nostri politici che, evidentemente, a parte salvare i propri interessi (l’ultima: “Immunità per chi guida auto blu”) hanno molto a cuore anche la sportività e i colori giallorossi (già salvati dal fallimento n volte), magari vi faranno, con l’aiuto del grande rossonero, un decreto legge ad hoc… Intanto, però, andate a pagare le tasse!!!

P.S. L’articolo è copiato integralmente da Almanaccogiallorosso. Legenda oltre a X, Y e Z: K=Brescia, W=Torino, F.S.=FrancoSensi, Curva S=curvasud, C.G.=CecchiGori, D.=Desideri, H.=Haessler, C.=Carnevale, R.=Rizzitelli

cal_22_672-458_resize.jpg