Nella poesia

01_23_51---Rabbit_web.jpgI conigli
Mangiano

I conigli
Sotto la finestra
Incuranti
Del vento
Mangiano

Il vento
Ovunque da nord
Incurante
Del sole
Soffia

Il sole
Stampato in cielo
Incurante
Dei conigli
E’

Il tipo
Alla finestra
Osserva

Nella poesia
Osserva

E
Ancora una volta stupito
Sogna

Io céro!

impropoesie.jpgVisto che capita così raramente di vivere una serata realmente memorabile (tipo: “toh, mi hanno eletto presidente degli Stati Uniti, sono molto contento”, B.O.), oggi vi tedierò un paio di minuti ripercorrendo quello che, secondo il mio modesto parere, è stato un vero e proprio evento artistico culturale. Che subito qualcuno penserà “culturale? Che palle!”, e invece niente di più sbagliato. Mettere insieme poesia, musica e teatro, è stata una mossa azzardata che però alla fine ha pagato per intero la scommessa. E anche chi era venuto, magari solo per un favore al sottoscritto (pochissimi, per la verità), pronti a sdraiarsi sulle poltrone del teatro nell’attesa dell’agognata fine, si è dovuto ricredere. Per farvi un’idea, vi basti sapere che alla fine, invece di andarsene tutti di corsa, è stato richiesto pure un bis (!) che, se si parla di Ligabue o Vasco, si sa già dove si va a parare, ma se si tratta di poesia e improvvisazione, è un vero e proprio salto nel buio. Riuscito. Lo spettacolo è stato un’alternanza tra l’interiore irrequietezza delle mie poesie e l’esteriore allegria delle improvvisazioni, tutte brillanti e ad alta gradazione di risata. I complimenti finali per tutti (dai due bravissimi musicisti – che, semplicemente con un contrabbasso e un corno, hanno dato una lezione di sonorità inimmaginabile in questa società del rumore -, alla voce narrante, la quale mi ha talmente affascinato che a un certo punto ho chiesto all’amico mio vicino di posto se la poesia che era stata appena letto l’avevo davvero scritta io -?!?-; dagli attori – che hanno improvvisato in maniera impeccabile, partendo dalle poesie e, soprattutto, dai suggerimenti impossibili del pubblico -, alla perfetta anfitrione della serata, nonchè organizzatrice e ideatrice della stessa; dalla regia luci, imprescindibile, alle poesie del sottoscritto – che quindi non ha fatto nulla -) sono stati un premio tanto inaspettato quanto meritatissimo. Peccato che soltanto i presenti potranno avere un ricordo di quanto accaduto, essendo gli spettacoli d’improvvisazione teatrale, per definizione, irripetibili. Il format, onestamente, intelligente e propedeutico (ripeto, chi mai avrebbe tenuto per 70 minuti, un pubblico non particolarmente scelto, attaccato alle poltrone per ascoltare poesie inframezzate da musica minimale?!?), si spera venga riproposto. Dell’evento di ieri sera però non resterà neanche un’immagine fotografica nè, tanto meno, sonora. Ma in fondo è il suo bello. Sarà come un miracolo che solo i presenti potranno testimoniare, tra l’incredulità e l’invidia degli assenti, vantandosi con il più sincero tra i sinceri: “io c’ero!”

Un grazie a tutti ma, soprattutto, a colei che ha reso tutto ciò possibile, grazie Silvia, grazie amica.

Progetto Gomorra

Anch’io raccolgo l’invito di Artista1969 a diffondere il progetto di Speranza Casillo che sta raccogliendo i volti di tutti coloro che vogliono mettere la faccia a sostegno della legalità.

Se vuoi inviare la tua foto o fotografare chi, con Roberto Saviano,ha la volontà  di alzare una mano a sostegno della lotta per la legalità puoi farlo entro il 20 dicembre 2008 inviando un’email a
speranzacasillo@gmail.com

Se le foto sono molte possono essere caricate su http://www.senduit.com (spedire il link unico a speranzacasillo@gmail.com )

Se sei un fotografo o semplicemente hai una macchina fotografica, se puoi, coinvolgi chiunque voglia aderire.

Se sei un artista mandaci pure la tua foto oppure facci sapere dove possiamo venirti a fotografare.

Se sei a Roma :
Martedì, 18 novembre ti aspettiamo all’Università  La Sapienza dove scatteremo le foto durante il concerto “Siamo in onda”.
Venerdì, 21 novembre puoi farti fotografare presso il Caffè¨ FANDANGO, piazza di pietra 32/33 dalle18:30
per info: 0645472913

Da martedì, 25 novembre e per ogni martedì, fino al 20 dicembre, sempre presso il caffè Fandango si organizzeranno altri shooting
per info: 0645472913

questo il link del progetto
http://www.flickr.com/photos/speranzacasillo/3022188381/

 

Chi ha la possibilità di farlo, alzi la sua mano con Roberto Saviano.

Il re dei buffoni

BER_B1.jpgDiario 305

Quale miglior rappresentante per un popolo di buffoni?

Da Repubblica.it di oggi

“Trieste – Questa volta per stupire e rubare la scena Silvio Berlusconi ha rispolverato un vecchio gioco che si fa con i neonati. Al vertice italo-tedesco di Trieste, il presidente del Consiglio, nell’accogliere Angela Merkel a piazza dell’Unità d’Italia, si è nascosto dietro uno dei grandi lampioni della storica piazza cittadina per sorprenderla con un “cu cu”.
La sequenza dello scherzo che la serissima cancelliera tedesca difficilmente può aver apprezzato è stata questa. La Merkel, scesa dalla macchina, si è avvicinata verso il picchetto d’onore posizionato davanti al palazzo della Regione dove la attendeva il premier. Ma mentre percorreva la breve distanza che li separava, Berlusconi ha approfittato della presenza di numerose persone della scorta e del cerimoniale per mettersi dietro il lampione. Poi, quando la cancelliera ha raggiunto il punto previsto per l’incontro passando proprio accanto al lampione, è sbucato facendo “cu, cu”. Questo almeno hanno raccontato alcuni testimoni perché se l’intera scena è stata ripresa dalle telecamere, i giornalisti erano però troppo lontani per sentire le parole pronunciate dal premier. (*)

La Merkel lì per lì è stata al gioco e allargando le braccia con aria divertita, ha risposto: “Silvio”. In realtà ha fatto rumore in Germania nei giorni scorsi l’insofferenza caratteriale della cancelliera nei confronti del presidente Nicolas Sarkozy, colpevole ai suoi occhi di eccessive confidenze e smancerie.
Berlusconi e Merkel si sono quindi recati al Palazzo della Regione, uno dei palazzi storici sulla piazza centrale di Trieste, dove sono iniziati i colloqui previsti dal vertice italo-tedesco. Contemporaneamente si svolgono gli incontri bilaterali tra i ministri che compongono le due delegazioni. Per l’Italia sono presenti i ministri degli Esteri Franco Frattini, dell’Economia Giulio Tremonti, dei Trasporti Altero Matteoli, e dello Sviluppo economico Claudio Scajola.”

(*) In realtà, l’ufficio stampa del premier ha fatto sapere che nel breve scambio di battute avuto con il presidente Merkel, Berlusconi avrebbe evidenziato la propria stima per il popolo tedesco, spiegato il suo pensiero sulla crisi economica mondiale, rinfacciato agli spagnoli l’abbandono della guerra in Iraq, illustrato il suo recente incontro con Putin e, infine, consigliato alla cancelliera un amico estetista molto bravo. Le voci sul bu-bu sette sarebbero state messe in giro ad arte dai comunisti, evidentemente invidiosi di tanta celerità.

E che Dio salvi l’Italia.

La lettera

stemma_repubblica_italiana_colori.jpgDiario 300 – 304

Al centro

“Caro Direttore,
leggo che Repubblica si aspettava (anche) dai vertici della Polizia segnali di fedeltà alla Costituzione. Il vertice della Polizia è uno solo. Sono io. Credo perciò di doverle una pacata spiegazione. Metterei intanto da parte il richiamo alla fedeltà alla Costituzione che è assai suggestivo mediaticamente, ma anche questione troppo seria per essere messa in discussione dalla vicenda che trattiamo. Oltre 150 anni di storia, i nostri morti e il lavoro diuturno per il bene dei cittadini di migliaia di persone sottopagate onorano la Costituzione ogni giorno. Non credo perciò che nessuno abbia bisogno di essere rassicurato sulla fedeltà alla Costituzione delle forze di polizia.

Credo invece, e sono d’accordo con Repubblica, che il Paese abbia bisogno di spiegazioni su quel che realmente accadde a Genova. L’Istituzione, attraverso di me, si muove e si muoverà a tal fine senza alcuna riserva, non attraverso proclami via stampa, ma nelle sedi istituzionali e costituzionali.

Si muove, e si muoverà, inoltre, con i fatti. Dall’inizio del mio mandato, ad esempio, mi sto adoperando per approfondire, e anche correggere, tutte le modalità di intervento “in piazza” anche avviando la costituzione della prima scuola di polizia per la tutela dell’ordine pubblico che sarà inaugurata il prossimo 3 dicembre. Abbiamo ai vertici dei reparti, investigativi e operativi in genere, persone pulite. Dal luglio dello scorso anno, io sono il loro garante e mi assumo, come ho già fatto, la responsabilità per gli errori che possano commettere.

Caro direttore, sto scrivendo l’ultimo capitolo della mia storia professionale e non lo macchierò certo per reticenza, per viltà o per convenienza.

Antonio Manganelli”

( 16.11.2008, lettera aperta del Capo della Polizia a Repubblica dopo la sentenza sui fatti della Diaz a Genova)

********

A lato

Brunetta 1: “I fannulloni sono spesso di sinistra”. (Stai a vedere che io sono di destra e non lo sapevo?!)

Brunetta 2: “Di questo mi dispiaccio, perché io sono di sinistra, sono un socialista che sta in Forza Italia”. (Stai a vedere che lui è di sinistra e nessuno lo sapeva?!)

Tremonti 1: Niente detassazione delle tredicesime. (E va be’, costa troppo… a chi?!?)

Tremonti 2: Possibile riduzione degli acconti fiscali di fine anno. (Riduzione acconti….? E al saldo? Come mai questa soluzione mi sa tanto di fregatura?)

Ipse dixit (sport e spettacolo)

jolie_pitt_family_91803563cbb.jpgDiario 297 – 299

Angelina Jolie (mito): “Mi sono ricreduta su Brad. Si è rivelato un buon padre”. (Quando si dice la fortuna… – ndL)

Brad Pitt (marito di Angelina Jolie): “Vorrei essere Valentino Rossi”.

Valentino Rossi (campione del mondo): “Vorrei essere Brad Pitt”. (Vorrei essere Pitt dal lunedì al giovedì e Rossi i fine settimana – ndL)

Antonio Cassano (campione di Bari): “Senza calcio sarei un ladro”. (E chi ne dubitava? – ndL)

Silvio Berlusconi (show man): “Lo scudo spaziale in Polonia e Rep. Ceca; l’indipendenza del Kosovo; Georgia e Ucraina nella Nato sono state una provocazione nei confronti della Russia”. (L’amico Putin gli manda in regalo un gasdotto dalla Siberia a villa Certosa, l’ex amico Bush lo manda a fare in c. – ndL)

 

Le figurine del Presidente

 

berlusconi2.jpgDiario 292 – 296

Visto il successo internazionale del Presidente Berlusconi, che con le sue trovate riesce sempre a portare qualcosa di nuovo nella denigrazione che all’estero hanno per gli italiani, la Panini ha deciso di pubblicare un album con le migliori figurine raccolte dal premier negli anni della sua vita pubblica. Già i bambini fremono nell’attesa di potersi scambiare i doppioni con la solita cantilena tra un “mima” del Kapò al deputato europeo Schulz e un “celo” dell’abbronzato a Obama. L’album, stampato in poche copie, andrà sicuramente a ruba tra i collezionisti di cazzate. Per la delizia degli amatori, mostriamo alcune figurine rilasciate in anticipo alle agenzie e poi disconosciute dall’ufficio stampa del Presidente.

i2_coverb.jpg

Figurina 1. “Enea diede luogo a una dinastia da cui nacquero Romolo e Remolo” (notoriamente, fondatori di Romala – n.d.L.)

 

0IIHT4KA.jpg

Figurina 23. “Ho dovuto riesumare le mie doti di play boy e fare la corte alla presidente Tarija Halonen per portare da Helsinki a Parma l’agenzia alimentare europea”, e per recuperare, dopo le rimostranze giunte dalla Finlandia, “Ma vi pare che io mi metta a far la corte a una così?” (no presidente, no… – n.d.L.)

  ansa003c7a78cxw200h263c00.jpg

 

Figurina 37.  “Signor Schultz, in Italia c’è un produttore che sta preparando un film sui campi di concentramento nazisti, la proporrò per il ruolo di kapò” (battuta di una finezza unica, soprattutto se detta a un parlamentare europeo tedesco – n.d.L.)

 
 
  
berlusconi_corna_080202.jpg
Figurina 56. “Volevo solo far ridere un simpatico gruppo di giovani boy-scout” (che di sicuro hanno apprezzato, sicuramente molto di più dei ministri presenti – n.d.L.)

 
 

ap00325d11cxw200h180c00.jpgFigurina 42. “Il danese Rasmussen è anche il primo ministro più bello d’Europa… Penso di presentarlo a mia moglie, perché è molto più bello di Cacciari… Secondo quello che si dice in giro… Povera donna” (eh sì, povera donna – n.d.L.)

 

berluscarafat.gif

Figurina 74. “Arafat mi ha chiesto di dargli una tivù per la striscia di Gaza, gli manderò Striscia la notizia“.

 

kkk.jpg

 

Figurina 100.  “Obama ha tutto, è giovane, bello e abbronzato” (sic – n.d.L.)

 

 

  Buona raccolta a tutti.

(Le notizie sono state prese dal Corriere.it e da Voglioscendere)